Bolzanism Museum Via Dalmazia-Dalmatienstr. 3039100 Bolzano-Bozen hello [at] bolzanism.comt. 0039 392 1344266

Bolzanism Museum Via Dalmazia-Dalmatienstr. 3039100 Bolzano-Bozen hello [at] bolzanism.comt. 0039 392 1344266


Cos'è il Bolzanism Museum?

Cos'è il Bolzanism Museum?

Questo progetto è un’interpretazione di quella Bolzano che conferisce a tali episodi apparentemente discontinui, se non addirittura inconciliabili tra loro, una consistenza e una coerenza; un’interpretazione che intende indicare Bolzano come il prodotto di una teoria non ancora formulata, il Bolzanismo, il cui programma – esistere in un mondo interamente fabbricato dall’uomo e quindi vivere dentro la fantasia – era così ambizioso che, per essere realizzato, non potè mai essere esplicitamente dichiarato.

[adattamento di Delirous New York, Rem Koolhas]

Bolzanism Museum è l’evoluzione di un esperimento di mediazione urbana tra le architetture popolari di Bolzano Ovest e i loro abitanti, avviato da Cooperativa 19 e Campomarzio nel 2017 grazie ad un bando promosso dall’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia autonoma di Bolzano.Nel 2019, con il Teatro Cristallo, nasce l’idea di sistematizzare il progetto creando il Bolzanism Museum il primo esperimento in Italia di museo sul social housing.

Questo progetto è un’interpretazione di quella Bolzano che conferisce a tali episodi apparentemente discontinui, se non addirittura inconciliabili tra loro, una consistenza e una coerenza; un’interpretazione che intende indicare Bolzano come il prodotto di una teoria non ancora formulata, il Bolzanismo, il cui programma – esistere in un mondo interamente fabbricato dall’uomo e quindi vivere dentro la fantasia – era così ambizioso che, per essere realizzato, non potè mai essere esplicitamente dichiarato.

[adattamento di Delirous New York, Rem Koolhas]

Bolzanism Museum è l’evoluzione di un esperimento di mediazione urbana tra le architetture popolari di Bolzano Ovest e i loro abitanti, avviato da Cooperativa 19 e Campomarzio nel 2017 grazie ad un bando promosso dall’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia autonoma di Bolzano.Nel 2019, con il Teatro Cristallo, nasce l’idea di sistematizzare il progetto creando il Bolzanism Museum il primo esperimento in Italia di museo sul social housing.

BolzanismL’indagine denominata Bolzanism, attraverso una nuova narrazione di alcuni tra i più significativi complessi residenziali popolari del ‘900, era il primo tentativo di ricostruzione e rappresentazione dell’evoluzione dell’abitare a Bolzano Ovest dall’epoca dei primi insediamenti ad oggi.Lo studio della dinamica evolutiva della città, la scelta di alcuni complessi rappresentativi – i Pifferi di R. Veneri e O.Zoeggeler, i Supercondomini di G. Garbini, il Giorno e Notte di M. Aquilina e R. Veneri, il Lotto 1 di C. Aymonino e le Inglesine di Darbourne & Darke – e l’organizzazione di incontri culturali e feste di condominio con gli inquilini, avevano gettato le basi di un processo fatto di nuove interpretazioni e visioni, capace di coinvolgere la comunità nella ridefinizione della propria identità e nell’immaginare il futuro.Il lavoro quotidiano, fatto di relazioni capaci di valorizzare le micro-storie individuali e intrecciarle con le vicende urbane e storiche, aveva raggiunto l’obiettivo di avviare la presa di coscienza, da parte degli abitanti, della storia del proprio caseggiato e della relazione tra questa e la città.

Welcome to BolzanismNel 2018, sempre grazie ad un finanziamento dell’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia autonoma di Bolzano, all’interno del Lotto 1 progettato tra il 1978 e il 1987 dall’architetto Carlo Aymonino, viene realizzato Welcome to Bolzanism.Il progetto tenta di sviluppare un rapporto intimo tra il complesso residenziale e i suoi abitanti raccogliendo storie, curiosità, aneddoti. Sistematizzando le narrazioni, i talenti, le professioni ed il tempo che ogni individuo può regalare al vicino in un kit di benvenuto destinato ai nuovi coinquilini, il risultato finale del progetto assegna agli inquilini storici il prezioso ruolo di facilitatori permanenti del processo di iniziazione alla comunità che ogni persona si trova ad affrontare ogni volta che trasloca in una nuova residenza.

Bolzanism MuseumBolzanism Museum è, ancor prima che un museo nel senso tradizionale, un concetto urbano che, a partire dalla volontà di valorizzare la ricchezza culturale e le architetture del quartiere popolare di Bolzano Ovest tenta di coinvolgere ed attivare gli abitanti nella creazione di un’identità e di una riconoscibilità dei luoghi periferici.Bolzanism Museum è il tentativo di coinvolgere Bolzano e i visitatori provenienti da altri territori nella condivisione di un racconto collettivo che ha come obiettivo quello di ridare centralità alla periferia invertendo le tradizionali dinamiche urbane e sottolineando l’importanza delle architetture popolari come nucleo dello sviluppo urbano, sociale e culturale della città.Per riuscire nei suoi intenti, Bolzanism Museum propone un processo di ridefinizione e riappropriazione identitaria, storica ed estetica della periferia. Non si limita quindi a catalogare dati, racconti ed elementi urbanistico-architettonici ma crea, a partire da ciò, una nuova narrazione, un osservatorio permanente sulla periferia e sul social housing, una piattaforma dove i cittadini possono ritrovare l’identità di una comunità.

BolzanismL’indagine denominata Bolzanism, attraverso una nuova narrazione di alcuni tra i più significativi complessi residenziali popolari del ‘900, era il primo tentativo di ricostruzione e rappresentazione dell’evoluzione dell’abitare a Bolzano Ovest dall’epoca dei primi insediamenti ad oggi.Lo studio della dinamica evolutiva della città, la scelta di alcuni complessi rappresentativi – i Pifferi di R. Veneri e O.Zoeggeler, i Supercondomini di G. Garbini, il Giorno e Notte di M. Aquilina e R. Veneri, il Lotto 1 di C. Aymonino e le Inglesine di Darbourne & Darke – e l’organizzazione di incontri culturali e feste di condominio con gli inquilini, avevano gettato le basi di un processo fatto di nuove interpretazioni e visioni, capace di coinvolgere la comunità nella ridefinizione della propria identità e nell’immaginare il futuro.Il lavoro quotidiano, fatto di relazioni capaci di valorizzare le micro-storie individuali e intrecciarle con le vicende urbane e storiche, aveva raggiunto l’obiettivo di avviare la presa di coscienza, da parte degli abitanti, della storia del proprio caseggiato e della relazione tra questa e la città.

Welcome to BolzanismNel 2018, sempre grazie ad un finanziamento dell’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia autonoma di Bolzano, all’interno del Lotto 1 progettato tra il 1978 e il 1987 dall’architetto Carlo Aymonino, viene realizzato Welcome to Bolzanism.Il progetto tenta di sviluppare un rapporto intimo tra il complesso residenziale e i suoi abitanti raccogliendo storie, curiosità, aneddoti. Sistematizzando le narrazioni, i talenti, le professioni ed il tempo che ogni individuo può regalare al vicino in un kit di benvenuto destinato ai nuovi coinquilini, il risultato finale del progetto assegna agli inquilini storici il prezioso ruolo di facilitatori permanenti del processo di iniziazione alla comunità che ogni persona si trova ad affrontare ogni volta che trasloca in una nuova residenza.

Bolzanism MuseumBolzanism Museum è, ancor prima che un museo nel senso tradizionale, un concetto urbano che, a partire dalla volontà di valorizzare la ricchezza culturale e le architetture del quartiere popolare di Bolzano Ovest tenta di coinvolgere ed attivare gli abitanti nella creazione di un’identità e di una riconoscibilità dei luoghi periferici.Bolzanism Museum è il tentativo di coinvolgere Bolzano e i visitatori provenienti da altri territori nella condivisione di un racconto collettivo che ha come obiettivo quello di ridare centralità alla periferia invertendo le tradizionali dinamiche urbane e sottolineando l’importanza delle architetture popolari come nucleo dello sviluppo urbano, sociale e culturale della città.Per riuscire nei suoi intenti, Bolzanism Museum propone un processo di ridefinizione e riappropriazione identitaria, storica ed estetica della periferia. Non si limita quindi a catalogare dati, racconti ed elementi urbanistico-architettonici ma crea, a partire da ciò, una nuova narrazione, un osservatorio permanente sulla periferia e sul social housing, una piattaforma dove i cittadini possono ritrovare l’identità di una comunità.

Visitare il Bolzanism Museum è un’esperienza nuova.Non è una visita guidata, non è il racconto di una storia o delle storie degli abitanti, non è il resoconto dei processi architettonici e urbanistici del quartiere o del social housing. È tutto questo assieme, sommato a quello che ogni giorno scopriamo e alla voglia di convincerti che è sempre la periferia e la sua instancabile vitalità a dare il senso ad una città.

Visitare il Bolzanism Museum è un’esperienza nuova.Non è una visita guidata, non è il racconto di una storia o delle storie degli abitanti, non è il resoconto dei processi architettonici e urbanistici del quartiere o del social housing. È tutto questo assieme, sommato a quello che ogni giorno scopriamo e alla voglia di convincerti che è sempre la periferia e la sua instancabile vitalità a dare il senso ad una città.


Orari, biglietti e accessibilità

Orari, biglietti e accessibilità

Il museo è aperto il: martedì - mercoledì - giovedì dalle 16.00 alle 18.00venerdì dalle 15.00 alle 18.00sabato dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00 domenica e lunedì chiuso

Le visite guidate hanno la durata di un’ora e mezza ed iniziano dall'Infopoint di Via Dalmazia 30 con i seguenti orari:venerdì 15.00 / 16.00sabato 9.30 / 10.30 / 15.00 / 16.00 Le visite possono essere prenotate su questo sito nella sezione Walk o direttamente all'Infopoint durante gli orari di apertura. Il costo del biglietto è di 3,5 € a persona.Verifica all'infopoint se hai diritto a una riduzione.Per gli/le under 6 anni il biglietto è gratuito. L'Infopoint del Bolzanism Museum è nella piazzetta del Teatro Cristallo ed è completamente accessibile.Le visite guidate del Bolzanism Museum sono adatte a tutte le persone e a tutte le età, ti consigliamo scarpe comode e voglia di fare una passeggiata all’aperto.Per qualunque altra esigenza particolare puoi chiedere allo staff del museo.

Il museo è aperto il: martedì - mercoledì - giovedì dalle 16.00 alle 18.00venerdì dalle 15.00 alle 18.00sabato dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00 domenica e lunedì chiuso

Le visite guidate hanno la durata di un’ora e mezza ed iniziano dall'Infopoint di Via Dalmazia 30 con i seguenti orari:venerdì 15.00 / 16.00sabato 9.30 / 10.30 / 15.00 / 16.00 Le visite possono essere prenotate su questo sito nella sezione Walk o direttamente all'Infopoint durante gli orari di apertura. Il costo del biglietto è di 3,5 € a persona.Verifica all'infopoint se hai diritto a una riduzione.Per gli/le under 6 anni il biglietto è gratuito. L'Infopoint del Bolzanism Museum è nella piazzetta del Teatro Cristallo ed è completamente accessibile.Le visite guidate del Bolzanism Museum sono adatte a tutte le persone e a tutte le età, ti consigliamo scarpe comode e voglia di fare una passeggiata all’aperto.Per qualunque altra esigenza particolare puoi chiedere allo staff del museo.


Come raggiungerci

Come raggiungerci

Ti aspettiamo in bici o a piedi se sei di Bolzano, se ti guardi bene intorno mentre raggiungi via Dalmazia la tua visita comincerà già da lì!

Ti aspettiamo in bici o a piedi se sei di Bolzano, se ti guardi bene intorno mentre raggiungi via Dalmazia la tua visita comincerà già da lì!

Ti aspettiamo in bici o a piedi se sei di Bolzano, se ti guardi bene intorno mentre raggiungi via Dalmazia la tua visita comincerà già da lì!

In auto

Dall'autostrada A22 del Brennero uscita Bolzano Sud, seguire le indicazioni per via Roma e, dopo il Ponte Roma, girare al primo semaforo verso sinistra in via Dalmazia.

In autobus

Dalla stazione FS prendere l'autobus n. 3 da via Perathoner in direzione Casanova e scendere alla seconda fermata di via Dalmazia davanti al Teatro Cristallo.

In auto

Dall'autostrada A22 del Brennero uscita Bolzano Sud, seguire le indicazioni per via Roma e, dopo il Ponte Roma, girare al primo semaforo verso sinistra in via Dalmazia.

In autobus

Dalla stazione FS prendere l'autobus n. 3 da via Perathoner in direzione Casanova e scendere alla seconda fermata di via Dalmazia davanti al Teatro Cristallo.


Impressum

Bolzanism Museum è un progetto di Teatro Cristallo, Cooperativa 19 e Campomarzio

Impressum

Bolzanism Museum è un progetto di Teatro Cristallo, Cooperativa 19 e Campomarzio

Con il contributo di

Con il supporto di

Con il patrocinio di

Sponsor

Con il contributo di

Con il supporto di

Con il patrocinio di

Sponsor

Con il contributo di

Con il supporto di

Con il patrocinio di

Sponsor

Sponsor tecnici